iNudisti
Login
La più grande Community Nudista
Leggi altri articoli

Tag
L'imbroglio

Autore: EmanueleCinelli
Pubblicato: 24/12/2012 10:47:47
Categoria: editoriale
Letto: 2279
Rating: 4

Nello sci la tessera federale non serve per accedere agli impianti di risalita e alle piste di discesa: chiunque ne può liberamente usufruire.

In alpinismo la tessera del Club Alpino Italiano, che può benissimo vedersi come una sorta di federazione, non serve per accedere ai rifugi, nemmeno a quelli di proprietà del CAI (che sono in maggioranza): tutti ne possono liberamente fruire.

Nell'attività subacquea e nel nuoto la stessa cosa: la tessera non serve per accedere alle strutture natatorie pubbliche, pur essendo le piscine quasi tutte gestite dalla federazione nuoto.

Nel mondo naturista, invece, le cose girano al contrario: la tessera federale risulta quasi indissolubilmente necessaria per accedere alle strutture (campeggi, villaggi, eccetera), anche se queste non sono di proprietà della federazione.

Ma che strana cosa, vero?

Si dice che sia una necessità per garantire la sicurezza, ma...

1) Si propaganda il naturismo come sorgente di perfezione e civiltà, si afferma che i naturisti sono persone sane e rispettabili, come mai, allora, questa limitazione sugli accessi alle strutture naturiste?

2) Può una semplice tessera, per ottenere la quale basta presentarsi alla cassa e pagare, garantire sull’onestà e la rettitudine della persona che la presenta?

3) Anche sulle piste di sci ci sono quelli che non rispettano le regole, eppure nessuno ha mai pensato di rendere l'accesso vincolato da una tessera!

4) Anche nelle piscine ci sono coloro che approfittano dell’esiguo vestiario per toccare, eppure l'accesso è e resta libero!

Il tesseramento è cosa buona e giusta, ma non può assolutamente essere un fattore di discriminazione. Le persone devono tesserarsi per il piacere di contribuire alla diffusione del naturismo, non per poterlo praticare, non per poter accedere alle strutture turistiche naturiste e nudiste. L’accesso a queste strutture non può essere vincolato al possesso di una tessera, abitudine che, a quanto mi è dato di sapere, pare essere propria solo dei club privè. Club dai quali le strutture naturiste e nudiste devono essere e restare totalmente differenziate, a partire dalla libertà di accesso a tutti: tesserati o meno, uomini o donne, eterosessuali od omosessuali, coppie o singoli, famiglie o gruppi di amici!

Qualcuno obietta che, questa insieme ad altre (vedi ad esempio il ragionare quasi esclusivamente in funzione delle famiglie, ovviamente viste secondo il canone tradizionale: coppia etero con figli), trattasi di regole consolidate e, quindi, non modificabili. Invero tutti i più grandi giuristi della storia insegnano che le regole non sono oggetti inanimati immutabili nel tempo, bensì essenze sociali vive che devono necessariamente adeguarsi al continuo mutare della società. Questo è indissolubilmente valido anche per l’ambito naturista e nudista!

Sbrogliamoci dall’inghippo della tessera come lasciapassare, sbrogliamoci dai concetti e dai criteri discriminanti e obsoleti, anche perché i giovani, importantissimi per la sopravvivenza di una qualsiasi attività, naturismo e nudismo compresi, sono giustamente refrattari alle limitazioni formali e all’eccesso di regole!


assegna il tuo punteggio: 1 non ti è piaciuto, 5 fantastico!!!

Leggi i commenti a questo articolo

Questo sito/e-zine non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001.