INFORMATIVA: Questo sito utilizza cookie di profilazione (propri e di altri siti) per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui: Informativa sui Cookies . Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
Leggi altri articoli Tag

Nudisti in azienda? Un valore aggiunto!

Autore: EmanueleCinelli
Pubblicato: 22/12/2014 15:51:41
Categoria: nudismo
Letto: 2220
Rating: 3

Sebbene in Italia non si abbia notizia di licenziamenti fatti per il solo motivo “praticava il nudismo”, è pur sempre vero che non pochi nudisti hanno ricevuto pressioni particolari, sollecitazioni a stare attenti, inviti a non farlo più, minacce più o meno velate di allontanamento se fossero nati dei problemi con clienti o utenti: “non possiamo permetterci cattiva pubblicità” la logica di fondo comune a tutti i casi.

Dietro a tali reazioni a volte c’è la comprensibile sorpresa per una notizia trapelata per via traverse, altre volte, però, il tutto si genera già in fase di selezione del personale quando uno, onestamente e correttamente, evidenzia il proprio essere nudista magari scrivendolo addirittura nel proprio curriculum, oppure, pur sapendolo e nonostante diversi anni di ottima collaborazione, solo perché qualche cliente o utente lamenta d’aver saputo che in quella azienda c’è un nudista.

In un caso come nell’altro si tratta di reazioni decisamente inopportune, ingiuste e illogiche: un nudista in azienda andrebbe visto come un valore aggiunto, infatti...

  •  Abituato a vedere persone nude e per effetto di una logica di vita che porta alla considerazione della persona in quanto tale e alla svalutazione del concetto di persona come oggetto sessuale, il nudista sarà difficilmente condizionato in maniera continua e pesante dalla vicinanza di qualcuno che potrebbe attrarlo sessualmente, di conseguenza il lavoro del nudista risulterà sempre e comunque della massima produttività.
  •  Per le stesse motivazioni di cui sopra, il nudista indurrà nelle persone che lo circondano minori preoccupazioni comportamentali favorendo, così, la creazione di un sereno ambiente di lavoro, di riflesso anche le persone che in quell'ambiente lavorano saranno più serene e le persone serene lavorano meglio e rendono di più.
  •  Il nudista potrà risultare di valido aiuto a chi, intorno a lui, abbia problematiche di accettazione del proprio corpo, arrivando ad essere perfino un esempio risolutore.
  •  Nel caso di attività lavorative che prevedono il coinvolgimento di bambini, ragazzi, adolescenti, il nudista sarà sempre in grado di parlare con loro delle problematiche del corpo e delle questioni sessuali, e potrà farlo in modo corretto, incondizionato, preciso e, pertanto, efficiente ed esaustivo; inoltre risulterà, per certi aspetti, molto meno manipolabile.

Alcuni manager hanno già compreso questa verità consentendo la nudità in azienda (anche in ambiti in cui si opera a contatto con fornitori e pubblico), eliminando alla sorgente le problematiche di convivenza: tutti nudi e più nessuno bada all’aspetto fisico degli altri; tutti nudi e non esiste più motivo alla sbirciatina maliziosa, alle distrazioni sessuali, ai pensieri maniacali; tutti nudi e svaniscono anche le paure in merito al proprio aspetto fisico, ci si sente meglio con se stessi e, quindi meglio, con gli altri creando un ambiente più rilassato e affabile, meno stress e alla fine maggior rendimento.

C’è da ragionarci sopra con attenzione, non dico arrivare ad obbligare il nudismo in tutte le aziende, anzi, l’obbligo non sarebbe certamente produttivo e giusto, non mi aspetto nemmeno che ora tutte le aziende si aprano subito alla pratica nudista acconsentendo la nudità, di certo auspico che alcuni inizino a ragionarci sopra, che presto anche in Italia si possano registrare posti di lavoro dove si può stare nudi, che, all’occorrenza, si prendano le difese del collaboratore o collega nudista, anziché osteggiarlo e/o vessarlo inopinatamente.